Hot Cross Buns

Per chi non li conoscesse gli Hot Cross Buns sono un dolce pasquale tipico del mondo anglosassone. Si tratta di panini dolci speziati, ripieni di uvetta, decorati in superficie con una croce e serviti normalmente durante il Venerdì Santo.

Le loro origini sono molto antiche, risalgono al XIV secolo. Si narra infatti che nel lontano 1361 frate Thomas Rocliffe, un monaco della Cattedrale di St Albans (nell’Hertfordshire) realizzò dei panini speziati, detti appunto Alban Buns, che venivano distribuiti ai poveri il Venerdì Santo. 

Gli Hot Cross Buns segnano tradizionalmente la fine della Quaresima perché sono preparati utilizzando prodotti caseari, vietati durante il periodo che precede la Pasqua e sono uno dei dolci più intrisi di cristianità. Il pane richiama il rito della comunione e della condivisione, pilastro della religione cattolica. La croce al loro esterno rappresenta la crocifissione di Gesù mentre le spezie utilizzate nell’impasto richiamano la sua imbalsamazione per la sepoltura.

Pochi semplici ingredienti in grado di dar vita ad un dolce pane speziato del quale vi innamorerete. Che sia proprio il mistero della Pasqua a rendere speciali gli Hot Cross Buns?

Beh, non vi resta che provarli!

Ingredienti:

  • 550 gr di farina manitoba
  • 300 gr di latte intero
  • 150 gr di uvetta
  • 75 gr di zucchero semolato
  • 38 gr di burro
  • 35 gr di acqua
  • 21 gr di lievi di birra fresco
  • 7 gr di sale
  • 1 uovo
  • cannella in polvere
  • noce moscata
  • scorza grattugiata di 1/2 arancia
  • golden syrup (o, in alternativa, sciroppo d’acero)

Procedimento:

  1. Per prima cosa ammollare l’uvetta in acqua fredda (almeno 20 minuti)
  2. Sciogliere il lievito di birra fresco in un poco di latte tiepido
  3. In una planetaria munita di gancio versare lo zucchero, 500 gr di farina, il lievito di birra, un pizzico di cannella ed un pizzico di noce moscata
  4. Azionare la planetaria e versare sopra gli altri ingredienti il latte e l’uovo intero. Continuare fino a che l’impasto non si sarà ben incordato al gancio
  5. Aggiungere all’impasto il burro fuso, la scorza di arancia grattugiata ed il sale e continuare ad impastare fino a che non saranno completamente assorbiti
  6. Togliere l’impasto dalla planetaria, aggiungere l’uvetta ed impastare a mano formando una palla
  7. Versare l’impasto in una ciotola precedentemente imburrata e coprirla con pellicola trasparente. Far lievitare per almeno 2 ore e mezza (o comunque fino a che il volume non raddoppierà)
  8. Terminata la lievitazione togliere l’impasto dalla ciotola, sgonfiarlo e ricavare delle palline di circa 80 gr ciascuna
  9. Disporre le palline in una teglia ricoperta con carta da forno, lasciandole leggermente distanziate l’una dall’altra
  10. Coprire la teglia con un panno da cucina e lasciare lievitare a temperatura ambiente per altri 60 minuti
  11. Nel frattempo preparare un pastella mescolando 50 gr di farina con 50 gr di acqua e inserirla in una sac-à-poche
  12. Quando l’impasta sarà lievitato la seconda volta e le palline si saranno unite tra di loro, tracciare con la sac-à-poche una croce di pastella
  13. Cuocere a forno statico 200° per circa 20 minuti
  14. Togliere dal forno e spennellare gli hor cross buns ancora caldo con il golden syrup (o, in alternativa, lo sciroppo d’acero)
  15. Servire i buns ancora caldi (potete anche accompagnarli con della composta di frutta, consigli quella agli agrumi).